Clicca il nome del progetto per aprire / chiudere

PROGETTI


STAR-CROSS'D LOVERS



Star Cross'd Lovers teaser

"Star-Cross'd Lovers" video by NxV

"Due famiglie, entrambe con la stessa dignità,
Nella bella Verona, dove creiamo la nostra scena,
Dall’ antico rancore rompere un nuovo ammutinamento,
Dove il sangue civile rende le mani civili impure.
Dai fatali reni di questi due nemici
Una coppia di amanti “star-cross'd lovers” prendono la loro vita [...] "


William Shakespeare, 1595



David Chalmin ha collaborato con Katia e Marielle Labèque in numero_ se occasioni, in particolare sul progetto Minimalist Dream House. Il suo nuovo balletto break-dance di 30 minuti, Star-cross'd lovers tinto di minimalismo, rock ed electro.

Il tema senza tempo di Shakespeare di un amore impossibile consente il compositore ed il coreografo, Yaman Okur, di giocare in tensione e la risoluzione, violenza e armonia, antagonismi e similitudini, amore e odio.

Produttore di musica classica così come rock sperimentale, Chalmin costruisce costantemente ponti tra diversi universi musicali. In Katia e Marielle Labèque ha trovato alleati che continuamente abbattono le barriere. Come sono stati in grado di fare con Gershwin o The Beatles, continuano a dimostrare che il rock, minimalismo o elettronica possono convivere con pianoforti classici e che la musica contemporanea può essere viva e vicino alla musica pop senza essere elitaria.

Allo stesso modo, Yaman Okur ci mostra che la break-dance non si limita a solisti in improvvisazione o ha “battaglie” di strada, ma può anche essere scritta e ballata da un gruppo e avere un posto nelle sale da concerto a fianco di solisti classici. Le sue numerose esperienze con Madonna o il Cirque du Soleil gli hanno permesso di sviluppare una professionalità e rigore che completano il suo talento visionario, facendo di lui un vero coreografo contemporaneo e non solo un B-boy addestrato in strada.

Il risultato dell'incontro di Chalmin con Okur è un'opera d'attualità che si basa su temi universali e accessibili, che, per questo, mai facile. La sperimentazione è essenziale, e si fluttua tra danze amorose accompagnate da due pianoforti romantici ispirati da Schubert o Chopin, e le esplosioni di rock che illustrano guerre tra bande in celebrazioni elettroniche minimaliste che possono portare a mente alcune parti di Berlino...

In anteprima al Philharmonie di Parigi nel Maggio 2015, con il sostegno della Fondazione KML e Academie Internationale de la Danse di Parigi, Star-Cross'd Lovers è il frutto di una coproduzione tra la Philharmonie di Parigi, Zaubersee Festival Luzern, Konzerthaus di Dortmund, Bordeaux Auditorium.


Performance dates
9-10 mai 2015 : Philharmonie de Paris
16 mai 2015 : KKL Luzern
27 novembre 2015 : Konzerthaus Dortmund
20 février 2016 : Auditorium de Bordeaux


Yaman Okur : coreografia
Katia & Marielle Labèque: pianoforti
David Chalmin: scrittura musicale, chitarra elettrica & elettronica
Raphael Seguinier: batteria & percussioni

Yaman Okur


David Chalmin

Raphael Seguinier Bio


MOONDOG

Nel mese di Aprile 2015, abbiamo presentato un nuovo progetto intorno alla musica di Moondog, commissionato per King’s Place di Londra, in continuità al nostro lavoro del 2011 sui compositori minimalisti.

MINIMALISM UNWRAPPED
Ubunoir: Moondog


Chiunque si chiedesse se la musica minimalista sia venuta fuori da qualcosa nell’ aria durante il periodo post-guerra a New York avrebbe solo da puntare al compositore e performer Louis T. Hardin (1916-1999), meglio conosciuto come Moondog. In un primo momento, la musica di Moondog sembra provenire dalle stesse fonti che hanno nutrito Reich, Riley, Glass nel loro sviluppo del Minimalismo durante gli anni 60: giri e canoni, musica dal sud e dall’ est asiatico esperimenti con i toni e le serie armoniche, jazz, e percussioni ripetitive. Eppure questo è solo una parte della storia, perché mentre questi quattro compositori, e altri del primo minimalismo, sono stati uniti come amici, colleghi e collaboratori, Moondog ha vissuto una vita a parte. Soprattutto, aveva iniziato a sperimentare queste idee più di un decennio prima, nei primi anni 1950.

Un principio - se eccentrico – contrario allo sfruttamento capitalistico, Moondog ha scelto di vivere per le strade di Manhattan (possedeva dei terreni nello stato di New York, che raramente visitava), e indossava abiti straordinari (il più delle volte quelli di un guerriero vichingo) per evitare conformi con i dettami della moda. I suoi primi pezzi, come Oboe Round, All is Loneliness and To a Sea Horse, sono stati realizzati sulla strada, spesso con strumenti fatti in casa incorporando i suoni della città. Nonostante il suo aspetto esteriore, Moondog era molto rispettato tra i musicisti di New York alla fine del 1940 e primi anni 1950. Il direttore d'orchestra Artur Rodzinski gli ha permesso il raro onore di sedere durante le prove della New York Philharmonic; Charlie Parker suggerì di fare un disco insieme. Questo non è mai successo, anche se Bird’s Lament è un memoriale di Moondog al grande sassofonista.
A causa delle sue origini come musica di strada e alla personalità del suo creatore, è difficile produrre spettacoli fedeli alla musica di Moondog. Nella prima metà del concerto di stasera, la percussione e chitarra del duo di Ubunoir presentano una rielaborazione creativa di cinque brevi pezzi, usando loop elettronici, stratificazione e altre tecniche contemporanee anticipate proprio nella musica di Moondog che sarebbero state sicuramente simpatiche. La seconda metà presenta arrangiamenti di altri sei pezzi che sono più vicini ai loro originali. Durante l’intervallo sarà suonato il brano ipnotico Cosmic Meditation di Moondog, un lento canone basato sulle primi nove sfumature dello spettro armonico - che lui credeva contenere la struttura segreta dell’universo.

Tim Rutherford-Johnson


THE BERNARD HERRMANN CONCERT PROJECT

Questo progetto sarà presentato nella sua versione di concerto come una co-produzione tra la WDR di Colonia e KML il 24 Maggio 2014 a Colonia.

Esso comprenderà arrangiamenti della musica di Herrmann da parte di Nicola Tescari e David Chalmin eseguita da:

Katia Labèque (pianoforte)
David Chalmin (chitarra / elettronica)
Raphaël Séguinier (batteria)
Alexandre Maillard (basso)
WDR Rundfunkorchester Köln, diretto da Nicola Tescari


INSPIRATUM FESTIVAL PER-FORM THE VOID - VIDEOLOGS

La FondazioneKML ha collaborato per la prima edizione del Festival Inspiratum. Il programma del festival, basato sul concetto della mostra "Distruggere l’immagine dipingendo il Vuoto”, un'ode musicale ed un contrappunto a questa massima con il lavoro contemporaneo di entrambi i compositori occidentali ed orientali, artisti visivi e sonori, includendo improvvisazione, composizione spontanea e danza in confronto con la musica d'avanguardia del 15 °, 16 ° e 17 ° secolo. Nathalie Joffre è un artista con sede a Londra e Parigi e lavora con il video e la fotografia, insieme a Vincent Perrault ha catturato in un film-video il tema 'Per-Forma il Vuoto' con estratti dai concerti, performance e installazioni. In più l’artista visivo e musicista americano Kurt Ralske ha realizzato 3 video giornali durante il Festival. Si prega di controllare link qui sotto:


UBUNOIR

Batterista / elettronica Raphaël Séguinier e produttore / chitarrista / cantante David Chalmin hanno recentemente unito le forze per formare Ubunoir, un rock scuro / duetto elettronico, viaggiando tra paesaggi post-rock e indie contemporaneo.

Stanno lavorando al loro primo EP autoprodotto per essere rilasciato nel 2014.


MINIMALIST DREAM HOUSE

Essere musicalmente all'avanguardia nel 1950 significava essere difficile. Non alla fine degli anni 60. Questo decennio ha visto un gruppo di beatnik Americani rovesciare le regole basi della musica del dopoguerra in Europa. In una serie di semplici composizioni disobbedienti La Monte Young, Terry Jennings, Terry Riley, Steve Reich e Philip Glass hanno dichiarato che la musica può essere chiara, onesta, bella e sperimentale. Voltando le spalle ai centri tradizionali del potere musicale, le prime opere minimaliste hanno ottenuto la loro prima udienza pubblica nel 1960-61 in Chamber Street Series di La Monte Young a New York nel loft di Yoko Ono. Durante gli anni 60 nelle gallerie d'arte e spazi alternativi, i minimalisti hanno lentamente demistificato, democratizzato e americanizzata il modernismo europeo. Hanno rifiutato l'angoscia (quello che Philip Glass chiamerebbe "pazza musica inquietante"). Hanno rifiutato i giochi invisibili. Hanno respinto la teatralità. "Non conosco nessun segreto di struttura che non si può sentire", ha scritto Steve Reich nel suo manifesto minimalista “Musica Come un Processo Graduale” del 1968. Il Minimalismo ha sostenuto che c'era abbastanza interesse nel processo del suono in sé e abbastanza nuovi territori da essere esplorati nel modello ritmico per sostenere un lavoro. Se qualcuno rimuovesse le complicazioni Barocche – la narrazione storica - e la bravura tematica - che stavano oscurando le bellezze naturali del ritmo e del suono, quello che sarebbe stato rivelato e scoperto poteva fornire la musica classica con una nuova prospettiva di vita. Avevano ragione. Il Minimalismo è stato l'ultima grande rivoluzione musicale del 20° secolo. Ed è diventato l’”ismo” più influente e di successo tra tutti gli “ismi”. Nello spirito dei concerti del loft anche noi andiamo a presentare nuove opere di David Chalmin, Raphael Seguinier.

Cité de la Musique/Facebook/events

MUSICISTI



Katia & Marielle Labèque

David Chalmin

Alexandre Maillard

Raphaël Séguinier


LINKS








KALAKAN

La Fondazione KML ha supportato dal 2008 il Trio Basco Kalakan per aiutarli a portare la musica tradizionale nelle sale per concerti di musica classica e producendo il loro primo album che è stato pubblicato nel Febbraio 2011.

Sono regolarmente in tour con Katia e Marielle Labèque nella loro versione unica del Bolero di Ravel per due pianoforti e percussioni basche. La scritture per i due pianoforti è dello stesso Ravel mentre gli arrangiamenti aggiunti dalle percussioni basche sono stati fatti da Kalakan.

WORKSHOP



THE FERNAND LEGER'S BALLET MECHANIQUE

Il “Ballet Mechanique” di Fernand Leger (sopra) ed i progetti video ”City Life“ di Steve Reich saranno diretti da Jérôme Bosc e interpretati da Katia e Marielle.


HOMMAGE A RAVEL

 

 

Antonin Martin-Hilbert, Maxime Chard-Hutchinson and Vincent Perrault' nel progetto Omaggio a Ravel.

ARCHIVIO



ROUNDHOUSE


Collaborazione con i giovani video artisti

Katia e Marielle sono ritornate al Roundhouse, il luogo dove hanno fatto il loro debutto nel Regno Unito nei Reverb Roundhouse Concerts, una serie che esplora i molti lati della musica. Come parte del concerto, le sorelle Labèque hanno collaborato ad un nuovo film con i giovani video artisti dalla pionieristica Roundhouse.

Gli aspiranti video artisti, di età compresa tra 17-25, hanno lavorato con SDNA, la principale agenzia creativa digitale, su di un progetto che esplora la miriade di modi per creare immagini visive e contenuti video per la musica. Il film è stato sviluppato in una serie di sessioni creative intensive prima del concerto, con la musica di Satie, Debussy e Stravinsky che Katia e Marielle hanno eseguito al Roundhouse. I filmati dello stesso concerto sono stati intergrati nel lavoro finale, con il film proiettato come parte del concerto il 31 gennaio.

The Roundhouse è uno dei luoghi più importanti di Londra per le arti performative e come ente di beneficenza, aiuta migliaia di giovani ogni anno.

Dopo una grande ristrutturazione nel 2006, più di mezzo milione di persone sono state a gli eventi di musica, teatro, danza e circo e 15.000 persone tra gli 11 e 25 anni di età hanno sviluppato il loro talento negli Studios. The Roundhouse realizza progetti creativi per molti giovani di Londra provenienti da ogni settore, tra cui la radio (con una stazione radio dedicata e gestita da i giovani), la produzione di musica, il teatro, la poesia, TV, ingegneria del suono, fotografia, VJ e molto di piu.

Reverb presenta anche collaborazioni tra giovani musicisti dei Roundhouse Studios e la Main House, con una particolare attenzione per il lavoro del Roundhouse Coro e Roundhouse Collective. Roundhouse Choir è un ensemble vocale per giovani, che si esibisce al Roundhouse e nei luoghi d'arte in tutta Londra. Il Collettivo Roundhouse, un gruppo di giovani musicisti di talento, promuovono nuova musica presso la Roundhouse, e disponendo di musicisti provenienti da esperienze e stili musicali diversi ed una diversa gamma di strumenti.

con:

Krystle Torio

Meng Valeria

Roman Knipping

Sorokin - Paria Kamyab

John Lung

Dannielle Harper

Sinead McCarthy

Mubarak Ahmed


B FOR BANG


Across the Universe of Languages

Una reinterpretazione delle canzoni dei Beatles e universo in una miscela di musica classica, pop strumentale e performance visive.


Photo by Nacho Carretero

"Una creatura organica, con vasi comunicanti tra impressionismo ed espressionismo, poesia, i suoni della città nel 20 ° secolo, la rosa dei venti della band di Liverpool ...".
Luis Martin


Prima è venuta la demolizione di muri di genere. Ora vengono le celebrazioni. Rockers sperimentali, B per Bang, ritorno ai The Beatles per il loro vivido secondo album, esponendo altri dodici brani dei Fab Four in una tempesta di stili moderni. Brani classici si scontrano con i battiti cinetici e rimbalzano nei mondi della drum 'n' bass, trip hop, rock alternativo e musica classica contemporanea per formare un incendio boschivo di suoni del 21 ° secolo.

Altaleniamo da un albero esotico ad un altro, risvegliati a un'euforia che corre veloce in “Get Back”, cullati da una semplicità trip-hop nella radura in “I Me Mine” e spinti fuori di una realtà di giungla nel groviglio infettivo e insolito di “When I’m Sixty-Four”, per citarne solo tre. E 'una sorta di alchimia musicale.

Allora adesso incontri gli alchimisti: rocker alternativo David Chalmin, compositore bassista Massimo Pupillo, il maestro di musica classica contemporanea Nicola Tescari, il mago dell’elettronica Fabio 'Reeks’ Recchia ", e la virtuosa d’avanguardia Katia Labeque, la cui risonanza del pianoforte a coda da radici a questo medley di stili. I Cantanti Chalmin, Meg e Nadeah ci guidano attraverso la giungla alchemica.



B for Bang:

Katia & Marielle Labèque
David Chalmin
Alexandre Maillard
Raphaël Séguinier
Nicola Tescari


DE FUEGO Y DE AGUA


Mayté Martin

Photo by Umberto Nicoletti

de fuego y de agua '
... come era nata ...

'Senza dubbio la miglior voce di flamenco femminile della sua generazione; la 'cantaora' più completa. Canta tutto, e canta tutto bene. A questo ritmo, questo 'cantaora' aggiungerà il suo nome ai grandi della storia. '

'Un'emozione profonda che viene da dentro, dal profondo dentro di noi, dal più profondo del nostro essere. Da quella regione intangibile dove nascono i sogni e le speranze. Dove il fuoco e l'acqua sono uno e lo stesso. Qui è la musica popolare nel senso più letterale del termine: del popolo, per il popolo. Una musica che è profonda e nello stesso tempo accessibile, tagliente e carezzevole, che è nata dalla terra e inconsciamente evoluta in feste e processioni, che ha affinato la sua forza in amori e delusioni, in siccità e acquazzoni, tra la fame e l'abbondanza lavato con vini aromatici '

~ Miguel Jurado ~


La raffinata eleganza del pianoforte classico incontra la magia sensuale del flamenco in questa appassionata serata di musica spagnola con tre delle migliori intrepide e carismatiche artiste del mondo. Salutato dal New York Times come "il miglior duetto di pianoforte di fronte al pubblico di oggi," le francesi Katia e Marielle Labèque abbagliano le folle con la loro vasta gamma emotiva, fuochi d'artificio tecnici e squisito lirismo. Sono unite dalla prima voce di flamenco femminile della sua generazione, la cantante Catalana Mayte Martin, la cui splendida voce, potente gamma e fraseggio inventivo "trascende teatralità sgargianti per andare dritta al cuore della forma d'arte" [The Boston Globe]. Il loro programma comprende opere provenienti dal loro nuovo disco collaborativo “De Fuego y de Agua”, con interpretazioni sentimentali dei classici Spagnoli.

Mayte Martin è universalmente riconosciuta come una delle voci di flamenco più importanti della sua generazione.




de fuego y de agua'

...cómo nació...
creo que fue en abril de 2005 cuando recibí la noticia de que las hermanas labèque me buscaban para realizar conmigo un proyecto basado en música española.

...come era nata...

'Penso che sia stato nell’ Aprile 2005 che mi è stato detto che le sorelle Labèque mi stavano cercando per fare un progetto su musica spagnola. Il mio cuore si gonfiò quando mi resi conto che, di tutte le voci che Katia e Marielle avrebbe potuto scegliere per sviluppare le loro idee, avevano scelto la mia. E, per di più, giuro che se avessi dovuto scegliere tra il conoscere il lato umano o artistico delle sorelle Labèque, avrei scelto il primo, perchè ho incontrato due donne assolutamente deliziose, generose ed oneste, di straordinaria qualità e amichevoli. Joan Albert Amargós ha scritto le composizioni più sorprendenti, e noi tre abbiamo cominciato sedurci l'un l'altra al vecchio modo: lentamente, con rispetto e delicatezza. Abbiamo creato il repertorio e lo stile dello spettacolo senza nessun problema di comprensione o conflitto di interessi. Tutte noi tre volevamo la stessa cosa, e l’abbiamo trovata lavorando mano a mano, approfittando di ogni momento in cui abbiamo potuto vedere crescere il nostro progetto e diventare sempre più bello in idea, ogni proposta, ogni prova e ogni tisana è stata un grande evento per me. Ogni minuto che ho condiviso con loro ero consapevole di quanto sono stata fortunata, del fatto che per tutta la mia vita volevo che qualcosa di simile accadesse a me, perché mi sono sempre sentita vicina alla musica classica e lirica. Infatti, Katia e Marielle mi avevano sentito cantare alcune delle mie personali musiche su registrazioni di compilation. Mi hanno chiesto di inserire nel programma alcuni miei pezzi che avevo composto da sola, e io ho mostrato a loro composizioni inedite che avevo scritto con arrangiamenti volutamente classici. Hanno scelto tre brani che sono registrati sul nostro cd e spero che quello che si sente in questo disco rifletterà tutto l'amore e l'emozione che nutre questo progetto; perché se è così, sono sicura che vi piacerà quasi quanto piace a me'.

~ Mayte Martin ~




RED VELVET

La scena musicale alternativa ha dato vita ad un eccezionale duetto rock. Red Velvet presenta il sottile bilanciamento di equilibrio di intensa scrittura musicale e arrangiamenti taglienti. La voce pura e struggente di David Chalmin, sorretta dalla sua genuina chitarra, incontra Reeks, batterista creativo, l’ elettronica ed il basso analogico. Red Velvet ha prodotto il suo album di debutto uscito in tutto il mondo con l’etichetta Sonic Invaders nel Marzo 2009.



David Chalmin


Reeks & David Chalmin

DIMENSION X


...a journey of the incredible…

L'incontro di David Chalmin, Chris Corsano e Massimo Pupillo, rock / noise / improvvisazioni sperimentali - con l'universo degli anni '50 fantascienza cult spettacoli radiofonici Dimension X.

Basato sui racconti dallo show, ogni brano apre uno strano mondo di macchine pensanti, robot, caos, Marziani, follia ... la ricerca di emozioni dell’umanità, verità e speranza.